Nuove norme per l’autorizzazione dei servizi di call center extra UE, Assocontact chiede una proroga dei termini

Imagine del articolo

Le norme sui call center extra Ue che scattano dal 2 marzo non presentano al momento, a pochi giorni dalla scadenza della legge, le necessarie indicazioni attuative ed esecutive al fine di chiarire criteri e modalità da seguire.

La legge di bilancio per il 2017 introduce una serie di misure relative allo svolgimento di attività di call center. Tra queste vi è l’obbligo, per gli operatori che decidono di localizzare la propria attività in paesi extra UE, di comunicarlo al Ministero del Lavoro ed all’ispettorato Nazionale del Lavoro, Ministero dello Sviluppo Economico, garante privacy nonché l’iscrizione al Registro degli operatori di Comunicazione (ROC) presso l’AGCom, almeno trenta giorni prima del trasferimento.

Assocontact, l'associazione dei contact center in outsourcing aderente a Confindustria Digitale, che rappresenta e tutela le aziende di settore, è preoccupata riguardo la situazione di ritardo e confusione. A pochi giorni dalla scadenza di legge non sono chiare tutte le informazioni e le modulistiche necessarie per l’invio delle comunicazioni previste, né tantomeno sono stati chiariti alcuni elementi interpretativi inerenti l’eventuale applicabilità di tali adempimenti da parte di aziende estere (UE ed extra UE) e le modalità di loro effettuazione.

Bisogna poi tener presente che in caso di violazione le penali sarebbero piuttosto significative. La legge di bilancio prevede infatti che, nel caso di mancata o tardiva trasmissione di tali comunicazioni rispetto alla scadenza attualmente stabilita del 2 marzo, scatterebbe una sanzione pecuniaria di 150.000 euro per ogni singola comunicazione omessa o tardiva.

“Con una nota che abbiamo inviato al Ministero del Lavoro, Ministero dello Sviluppo Economico, AGCom e Garante privacy, chiediamo una proroga di tali obblighi, necessaria per garantire a tutte le imprese di adempiere correttamente alle disposizioni di legge”, dichiara Paolo Sarzana, Presidente Assocontact.

Alessio Samele 24 febbraio 2017

L'Associazione mette a disposizione corsi di formazione on line, erogati da un ente certificatore esterno, in grado di rilasciare un attestato ad ogni singolo partecipante.

I corsi sono creati per le specifiche esigenze degli operatori di call center, hanno una durata di 45 minuti circa e prevedono l’accesso finale ad un test per il rilascio di un attestato individuale.

NEWS RECENTI

15 gennaio 2018

Privacy, come difendersi dalle telefonate indesiderate

Insieme a nome, cognome e indirizzo, il numero di telefono è il dato personale più utilizzato. D’altra parte, i cellulari sono diventati appendici del nostro corpo e lasciamo il numero dello smartphone un po’ dappertutto: quando facciamo un biglietto di viaggio, se scarichi...

3 gennaio 2018

Call center, governo fissa salario medio in quelli che partecipano ad appalti pubblici. Per il 60% dei lavoratori resta la giungla

Il ministero del Lavoro ha fissato a un minimo di 17 euro il costo dei dipendenti per i 30mila addetti dei centri telefonici che lavorano per le pubbliche amministrazioni. "Un passo in avanti, ma non risolutivo”, spiega Marco Del Cimmuto, segretario nazionale Tlc Slc Cgil. "Le s...

31 dicembre 2017

Call center, stabilito il costo minimo per minuto

Assocontact (associazione che rappresenta un’altra parte di call center in attività e che non ha partecipato alla definizione delle tabelle) si dice insoddisfatta. «I valori definiti dal ministero del Lavoro si riferiscono ai costi del lavoro diretti dei singoli operatori, ma non ...