Verso il prefisso unico per i Call Center, Assocontact: a rischio 20mila posti

TgCom 24

Imagine del articolo

A rischio 20mila posti di lavoro nel telemarketing. E' quanto comporterà l'introduzione del "prefisso unico" secondo Assocontact, l'associazione che rappresenta le società che gestiscono servizi di Contact Center. Il disegno di legge contro il telemarketing selvaggio prevede infatti l'istituzione di un prefisso unico nazionale per tutti i call center in modo da rendere riconoscibile il mittente, eventualmente, "indesiderato".

Le associazioni del settore, che sollevano il problema occupazione, sono convinte che il prefisso unico (il ddl è già stato approvato in commissione Lavori pubblici al Senato) "non risolverà il problema", anzi procurerà forte discredito sul settore e la conseguenza sarà soltanto "la fine delle attività di telemarketing", che dovranno quindi puntare su diversi canali di vendita. Insomma, un modo sbagliato per affrontare il problema secondo gli operatori, che rischia, dicono, di non procurare vantaggi né alle aziende né ai consumatori.

Fonte dell'articolo: Vedi su TgCom 24
14 agosto 2017

NEWS RECENTI

14 aprile 2021

Call center trasformati in Hub vaccinali. Borgherese: "Pronti a dare il nostro contributo"

Sedici Centri di somministrazione vaccinale in 6 regioni pronti a somministrare oltre 1.000 vaccini al giorno per mettere al sicuro subito 20.000 persone tra dipendenti e familiari ed estendere poi la somministrazione alla popolazione locale. ...

15 marzo 2021

Franz Di Bella racconta agli studenti come contrastate il Telemarketing illegale

Continuano le attività di promozione e divulgazione delle attività di Assocontact per contrastare il telemarketing illegale ...

2 marzo 2021

Telemarketing illegale, come smascherarlo e difendersi. Guida per consumatori

"Oggi anche il telemarketing è profondamente cambiato. Non si tratta più solo di vendere prodotti e servizi al telefono" ...

24 febbraio 2021

Pasquale Stanzione: “Estensione del Roc e multe per contrastare il telemarketing selvaggio”

Il Presidente dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali: “Serve però il coinvolgimento di tutti per difendere la libertà e i diritti di consumatori e lavoratori, così come la leale competitività tra imprese private” ...