ASSTEL: OCCORRONO REGOLE EQUILIBRATE NELL’INTERESSE DI CITTADINI, IMPRESE E LAVORATORI

Il Dubbio

Imagine del articolo

In merito alla nuova disciplina sul telemarketing in discussione alla Camera, pur comprendendo la volontà del Parlamento di giungere velocemente all’approvazione del ddl, auspichiamo fortemente che il legislatore abbia cura di produrre una norma in grado di coniugare  la tutela dei consumatori con l’esigenza di mantenere la sostenibilità e l’occupazione nelle attività di customer care, settore ad alta intensità di lavoro. Per questo alcuni punti critici oggi presenti nel testo vanno ripensati al fine di ottenere una disciplina capace di operare una distinzione fra uso distorto del  telemarketing, che va senza dubbio represso, e attività svolte con professionalità e serietà, che vanno invece  sostenute e incentivate”. E’ la posizione di Dina Ravera , Presidente di Assotelecomunicazioni-Asstel, in relazione al ddl 4619 (attualmente all’esame delle Commissioni IX e X della Camera dei Deputati e approvato in prima lettura la Senato lo scorso 2 agosto)  recante “Nuove disposizioni in materia di iscrizione e funzionamento del Registro delle Opposizioni e istituzione di un prefisso unico nazionale per le chiamate telefoniche a scopo promozionale e di ricerche di mercato” .

Come Asstel - continua   Ravera – riteniamo strategico aiutare il settore dei call center a evolvere verso  un assetto di buona imprenditoria, al fine di evitare l’insorgere di fenomeni distorsivi, che hanno ripercussioni negative su aziende e lavoratori. Per questo ci siamo fortemente impegnati a contrastare i tentativi di dumping contrattuale anche per quanto riguarda le attività di customer care in outbound. In tal senso va letta l’importante intesa raggiunta lo scorso 31 luglio con le organizzazioni sindacali di categoria, che ha portato alla definizione di un complesso di regole di garanzia nello svolgimento di tali attività”.

Sulla scia di questo percorso evolutivo avviato in collaborazione fra le parti sociali – conclude il Presidente di Asstel – è fondamentale che il Parlamento affronti la nuova disciplina secondo una visione integrata degli  elementi che contribuiscono a definire l’operatività dei call center, in cui la tutela gli utenti possa essere inquadrata come un fattore di incremento  del valore aggiunto di queste attività, al fine di favorire virtuose dinamiche di sviluppo”.

 

Fonte dell'articolo: Vedi su Il Dubbio
Alessio Samele 3 ottobre 2017

NEWS RECENTI

5 aprile 2022

Registro pubblico opposizioni: come fare se persiste il telemarketing illegale

Il 27 luglio 2022 sarà il D-Day dei consumatori: grazie all’iscrizione al Registro pubblico delle Opposizioni chi lo desidera potrà non essere mai più contattato dagli operatori di telemarketing. ...

23 febbraio 2022

Telemarketing illegale: come difendersi?

"Stiamo mettendo in campo delle azioni chiare e concrete per espellere tutti gli operatori poco seri e siamo fiduciosi che la strada percorsa sia quella giusta". ...

10 febbraio 2022

Telemarketing: ecco perché quello legale va tutelato

In molti hanno salutato il nuovo registro delle opposizioni come lo scacco matto al telemarketing selvaggio, ma non è così: il nodo cruciale degli operatori illegali che continuano a chiamare ignorando ogni norma e strumento, registro compreso, non è affatto risolto. Il pun...

3 febbraio 2022

Le interviste ai relatori a margine dell'evento a favore dell'autoregolamentazione del telemarketing

Dopo il "Bollino blu" e il "Registro delle opposizioni" arriva il "Codice di condotta", ulteriore strumento nella lotta al telemarketing illegale. La proposta, in continuità con il lavoro svolto a tutela dei diritti dei cittadini e in contrasto alle pratiche del ...