Assocontact: importante confronto con sottosegretaria Todde

Adnkronos

Imagine del articolo

"È stato un incontro davvero molto importante quello che abbiamo appena concluso con la Sottosegretaria al Ministero dello Sviluppo Economico Alessandra Todde. La ringraziamo per la disponibilità e per la sensibilità mostrata nel confrontarsi con noi sulle criticità del settore dei contact center, afflitto, ormai da anni, da una normativa che non consente concrete politiche di sviluppo e di tutela dell'occupazione" dichiara Lelio Borgherese, Presidente di Assocontact - Associazione Nazionale dei Contact Center in Outsourcing. Nell'ambito del lavoro di ascolto che il Governo sta portando avanti per metter mano ad un comparto molto delicato come quello dei contact center, oggi la Sottosegretaria ha incontrato Assocontact. Nel corso dell'incontro, il Presidente Borgherese le ha presentato una serie di proposte. "Il futuro del nostro settore non può più prescindere da una serie di interventi volti a dargli stabilità e rilancio. Proprio in quest'ottica - aggiunge Borgherese - ho presentato oggi tre azioni che riteniamo fondamentali: attribuzione di una certificazione di qualità, cd. "Bollino Blu", alle aziende e alle strutture che rispettano parametri qualitativi e quantitativi condivisi; l'adeguamento dei valori minimi delle Tabelle Ministeriali anche alla luce dei costi in formazione, innovazione e organizzazione che il servizio comporta; introduzione di misure per riportare in Italia le attività gestite in altri Paesi puntando soprattutto sulla qualificazione professionale delle competenze in un'era di grandi trasformazioni digitali. Nel corso dell'appuntamento, il Presidente Borgherese e la Sottosegretaria Todde, hanno concordato sulla necessità di coinvolgere tutti i soggetti che operano nel comparto per arrivare a una soluzione di sistema. "Siamo molto soddisfatti che le nostre proposte siano condivise dalla Sottosegretaria e in particolar modo non possiamo che plaudire all'impegno che il Governo sta mettendo in campo. Entrambi - conclude il Presidente di Assocontact - riteniamo che per un lavoro davvero efficace sia necessario che intorno al tavolo siedano tutte le parti coinvolte: dai committenti agli outsourcer, dalle associazioni di categoria ai sindacati".

Fonte dell'articolo: Vedi su Adnkronos
21 febbraio 2020

NEWS RECENTI

5 aprile 2022

Registro pubblico opposizioni: come fare se persiste il telemarketing illegale

Il 27 luglio 2022 sarà il D-Day dei consumatori: grazie all’iscrizione al Registro pubblico delle Opposizioni chi lo desidera potrà non essere mai più contattato dagli operatori di telemarketing. ...

23 febbraio 2022

Telemarketing illegale: come difendersi?

"Stiamo mettendo in campo delle azioni chiare e concrete per espellere tutti gli operatori poco seri e siamo fiduciosi che la strada percorsa sia quella giusta". ...

10 febbraio 2022

Telemarketing: ecco perché quello legale va tutelato

In molti hanno salutato il nuovo registro delle opposizioni come lo scacco matto al telemarketing selvaggio, ma non è così: il nodo cruciale degli operatori illegali che continuano a chiamare ignorando ogni norma e strumento, registro compreso, non è affatto risolto. Il pun...

3 febbraio 2022

Le interviste ai relatori a margine dell'evento a favore dell'autoregolamentazione del telemarketing

Dopo il "Bollino blu" e il "Registro delle opposizioni" arriva il "Codice di condotta", ulteriore strumento nella lotta al telemarketing illegale. La proposta, in continuità con il lavoro svolto a tutela dei diritti dei cittadini e in contrasto alle pratiche del ...