Call center: siglato accordo tra Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Assocontact

Imagine del articolo

Prestazioni sanitarie per i collaboratori attraverso un Piano sanitario integrativo, graduatoria di prelazione e stabilità delle remunerazioni: questi i punti alla base dell'accordo tra Assocontact, l’associazione aderente a Confindustria Digitale che rappresenta le società che gestiscono servizi di Contact Center, insieme ad Asstel e i sindacati rappresentativi di Cgil, Cisl, Uil e Ugl.

"Un quadro che soddisfa le nostre imprese e i nostri collaboratori”, dichiara Paolo Sarzana, presidente Assocontact. “Abbiamo trovato una buona intesa, frutto della serietà delle nostre argomentazioni e delle ragioni del sindacato”. “Un passo avanti importante per il settore” - continua Sarzana - “che potrà procedere nell'attività out-bound, fondamentale per il supporto commerciale delle imprese committenti”.

In un momento di grave difficoltà, la stabilità è un fattore determinante ed averlo raggiunto è un traguardo indispensabile.

Ora l’auspicio è che il sindacato torni a lavorare a fianco delle imprese per la crescita del nostro settore e dei tanti lavoratori che rappresentiamo.

Ufficio Stampa

Alessio Samele

a.samele@retionline.it

3208450132

Alessio Samele 4 agosto 2017

L'Associazione mette a disposizione corsi di formazione on line, erogati da un ente certificatore esterno, in grado di rilasciare un attestato ad ogni singolo partecipante.

I corsi sono creati per le specifiche esigenze degli operatori di call center, hanno una durata di 45 minuti circa e prevedono l’accesso finale ad un test per il rilascio di un attestato individuale.

NEWS RECENTI

15 gennaio 2018

Privacy, come difendersi dalle telefonate indesiderate

Insieme a nome, cognome e indirizzo, il numero di telefono è il dato personale più utilizzato. D’altra parte, i cellulari sono diventati appendici del nostro corpo e lasciamo il numero dello smartphone un po’ dappertutto: quando facciamo un biglietto di viaggio, se scarichi...

3 gennaio 2018

Call center, governo fissa salario medio in quelli che partecipano ad appalti pubblici. Per il 60% dei lavoratori resta la giungla

Il ministero del Lavoro ha fissato a un minimo di 17 euro il costo dei dipendenti per i 30mila addetti dei centri telefonici che lavorano per le pubbliche amministrazioni. "Un passo in avanti, ma non risolutivo”, spiega Marco Del Cimmuto, segretario nazionale Tlc Slc Cgil. "Le s...

31 dicembre 2017

Call center, stabilito il costo minimo per minuto

Assocontact (associazione che rappresenta un’altra parte di call center in attività e che non ha partecipato alla definizione delle tabelle) si dice insoddisfatta. «I valori definiti dal ministero del Lavoro si riferiscono ai costi del lavoro diretti dei singoli operatori, ma non ...