BENE INIZIATIVA CONGIUNTA MISE-MINISTERO DEL LAVORO

Imagine del articolo

Il Presidente, Lelio Borgherese: “Ringraziamo il governo per l’attenzione al tema, ma è necessario che partecipino anche i commitenti”

Roma, 14 ottobre 2019. Assocontact - Associazione Nazionale dei Contact Center in Outsourcing -plaude all’iniziativa congiunta del Ministero del Lavoro e del MISE, che offre una nuova prova di responsabilità e impegno nella ricerca di soluzioni di sistema alla crisi del settore dei call e contact center. Ribadisce tuttavia quanto già affermato in ognuno dei quattro precedenti incontri: tutte le committenze – in particolare quelle dei settori Telco, Energy, Media, Banking, Insurance e PA – devono sedere e partecipare attivamente al tavolo di lavoro altrimenti sarà impossibile tradurre gli intendimenti in azione e risolvere i problemi ancora aperti.

 “Come Assocontact, ribadiamo il nostro plauso per l’iniziativa del Ministro Catalfo e del Sottosegretario Todde del Ministero dello Sviluppo Economico, dei quali apprezziamo lo sforzo di trasformare i tavoli di crisi in tavoli di settore, impegnati nel governare il cambiamento e nel prevenire le crisi” dichiara Lelio Borgherese, Presidente di Assocontact.

Tuttavia è impossibile non evidenziare che i Committenti sono la chiave di volta del sistema: senza il loro coinvolgimento e convincimento ogni soluzione rischia di non essere agita o di essere depotenziata. Basti pensare - aggiunge Borgherese - alle Tabelle Ministeriali che, da strumenti virtuosi utili a stabilire il prezzo minimo di vendita dei servizi di Customer Management, sono divenute la soglia massima su cui vengono misurate tutte le offerte commerciali, secondo una strategia che punta a massimizzare il risparmio e non a rendere il settore sostenibile né tantomeno a valorizzarne la qualità e le professionalità”.

Nell’incontro che si è tenuto questo pomeriggio al MISE, Assocontact, si è focalizzata sulla necessità di trovare una sintesi tra le parti. Non solo. Ha ribadito, inoltre, l’importanza della clausola sociale in un quadro normativo che però ha ancora bisogno di ulteriori approfondimenti e chiarimenti; ha sottolineato la necessità di investimenti in formazione e tecnologia come strumenti di accelerazione necessari e ineludbili, sempre all’interno di un quadro normativo per le Aziende, le lavoratrici e i lavoratori dei Contact Center che si basi su una legge di riordino complessivo del settore e su una piattaforma contrattuale sempre più adeguata e modellata sulle concrete esigenze organizzative degli Outsourcer.

Askanews tavolo MISE

Finance.yahoo.com tavolo MISE

Italpress tavolo MISE

Colonne tavolo Mise

Adnkronos.it tavolo MISE

Adnkronos.it 1 tavolo MISE

Adnkronos.it 2 tavolo MISE

Corrierecomunicazioni.it tavolo MISE

Corrieredellumbria.corr.it tavolo MISE

Corrierediarezzo.corr.it tavolo MISE

Corrieredirieti.corr.it tavolo MISE

Corrieredisiena.corr.it tavolo MISE

Corrierediviterbo.corr.it tavolo MISE

Corrierequotidiano.it tavolo MISE

Ildenaro.it tavolo MISE

Ildubbio.news tavolo MISE

Iltempo.it tavolo MISE

Molfettalive.it tavolo MISE

Momentoitalia.it tavolo MISE

Today.it tavolo MISE

 

15 ottobre 2019

NEWS RECENTI

30 luglio 2020

Un esercito di amici

Contact Center: consulenti competenti, cortesi e soddisfatti ...

22 luglio 2020

Call center, Assocontact: “Stop illegalità, governo intervenga”

Il Presidente Borgherese: “Organizzazioni criminali perpetrano attività illegali nei confronti dei lavoratori e dei consumatori. Subito la legge sul bollino blu” ...

11 giugno 2020

Customer care, Assocontact lancia la prima call for ideas

Il settore dei call center riparte dall’innovazione con la sua prima Call for ideas dedicata ai giovani talenti e alle startup per ripensare insieme il mondo dei servizi verso cittadini e consumatori.   ...