Verso il prefisso unico per i Call Center, Assocontact: a rischio 20mila posti

TgCom 24

Imagine del articolo

A rischio 20mila posti di lavoro nel telemarketing. E' quanto comporterà l'introduzione del "prefisso unico" secondo Assocontact, l'associazione che rappresenta le società che gestiscono servizi di Contact Center. Il disegno di legge contro il telemarketing selvaggio prevede infatti l'istituzione di un prefisso unico nazionale per tutti i call center in modo da rendere riconoscibile il mittente, eventualmente, "indesiderato".

Le associazioni del settore, che sollevano il problema occupazione, sono convinte che il prefisso unico (il ddl è già stato approvato in commissione Lavori pubblici al Senato) "non risolverà il problema", anzi procurerà forte discredito sul settore e la conseguenza sarà soltanto "la fine delle attività di telemarketing", che dovranno quindi puntare su diversi canali di vendita. Insomma, un modo sbagliato per affrontare il problema secondo gli operatori, che rischia, dicono, di non procurare vantaggi né alle aziende né ai consumatori.

Fonte dell'articolo: Vedi su TgCom 24
14 agosto 2017

L'Associazione mette a disposizione corsi di formazione on line, erogati da un ente certificatore esterno, in grado di rilasciare un attestato ad ogni singolo partecipante.

I corsi sono creati per le specifiche esigenze degli operatori di call center, hanno una durata di 45 minuti circa e prevedono l’accesso finale ad un test per il rilascio di un attestato individuale.

NEWS RECENTI

11 ottobre 2018

Telemarketing: rivoluzione in corso - 14 novembre, ore 9.30, Roma

Il 14 novembre 2018, ore 9.30 si terrà il convegno "Telemarketing: rivoluzione in corso" ...

3 ottobre 2018

Call Center, Assocontact ospite di Mi Manda Rai Tre

Come salvaguardare le aziende di callcenter e difendere i consumatori dalle pratiche illecite di telemarketing, il presidente Paolo Sarzana è stato stamattina ospite di Mi Manda Rai Tre, su Rai Tre.   ...

2 ottobre 2018

Stipendi più alti per gli addetti ai call center, ecco il decreto

Adottato dal ministero del Lavoro il provvedimento che aggiorna il costo medio orario non in base ai minuti effettivi della singola chiamata ma considerando le pause previste dalla legge e i tempi di “inoccupancy”. Con effetti importanti sulle buste paga. Deroghe solo in casi eccezionali...