Telemarketing, alla Camera il Ddl che vuole introdurre il prefisso unico

Key4Biz

Imagine del articolo

Dopo l’approvazione del Senato lo scorso due agosto, è iniziata alla Camera la discussione sul disegno di legge (Ddl S.2603) che prevede sia l’allargamento del registro delle opposizioni a tutti i numeri fuori elenco, compreso il mobile, sia l’introduzione del prefisso unico per le chiamate commerciali. Quest’ultima novità, il numero unico che identifica la telefonata dal call center, non piace ad Assocontact, l’associazione che rappresenta le società che gestiscono servizi di Contact Center.

“La tutela del consumatore va perseguita senza mettere in repentaglio un intero settore che conta 40mila operatori, la maggior parte al sud e formato da giovani al di sotto dei 30 anni. Tutto dopo che Assocontact e le associazioni sindacali (Cgil-Cisl-Uil) hanno siglato un accordo prevedendo nuovi strumenti di welfare”, ha dichiara Paolo Sarzana, presidente Assocontact.

Con il prefisso unico, infatti, si mischieranno sia le chiamate con cui correttamente gli operatori telefonici propongono le offerte commerciali sia le telefonate moleste con un grave danno per il consumatore che vedrà apparire sempre lo stesso numero e non potrà decidere se rispondere o meno. Inevitabilmente avrà interesse a ricevere le telefonate dalle società con cui ha stipulato contratti per le utenze domestiche, per la telefonia mobile e per la tv a pagamento, per fare alcuni esempi.

“La soluzione al problema del cosiddetto telemarketing selvaggio c’è ed è quella prevista dalla Proposta di regolamento E-Privacy presentata dalla Commissione Europea lo scorso 10 gennaio: il numero identificabile e quindi ricontattabile”, ha concluso Sarzana.

Tutte le novità contenute nel Ddl

Più nel dettaglio il disegno di legge S.2603 “Nuove disposizioni in materia di iscrizione e funzionamento del registro delle opposizioni e istituzione di un prefisso unico nazionale per le chiamate telefoniche a scopo promozionale e di ricerche di mercato”, primo firmatario Jonny Crosio (Ln-Aut) prevede

  • la possibilità per tutti di iscriversi al registro delle opposizioni, anche con numeri cellulari e anche in caso di telefoni fissi non iscritti negli elenchi telefonici.
  • Con l’iscrizione, si intendono revocati tutti i consensi al trattamento dei dati personali espressi in precedenza.
  • Viene esplicitamente vietata la cessione di elenchi telefonici a terzi e la violazione dei divieti introdotti prevede sanzioni, fino alla sospensione e alla revoca della licenza per gli operatori.
  • Altri punti fondamentali del testo: è vietato il ricorso ai compositori automatici per la ricerca dei numeri (stop quindi alle chiamate mute).
  • viene introdotto l’obbligo al ricorso di un prefisso specifico unico (una novità che a livello Ue entrerà in vigore nel 2018), in modo che chi riceve la chiamata, anche se non è iscritto al registro delle opposizioni, possa riconoscere che si tratta di una telefonata commerciale (addio ai numeri fantasma).
Fonte dell'articolo: Vedi su Key4Biz
22 settembre 2017

L'Associazione mette a disposizione corsi di formazione on line, erogati da un ente certificatore esterno, in grado di rilasciare un attestato ad ogni singolo partecipante.

I corsi sono creati per le specifiche esigenze degli operatori di call center, hanno una durata di 45 minuti circa e prevedono l’accesso finale ad un test per il rilascio di un attestato individuale.

NEWS RECENTI

11 febbraio 2019

Paolo Sarzana (Assocontact) ospite a Mi Manda Rai Tre

6 febbraio 2019

Telemarketing, così cambierà nel 2019 con le nuove regole

Anni di telefonate moleste e azioni borderline hanno portato alla demonizzazione del telemarketing. Tre nuovi provvedimenti potrebbero però consentire una svolta a vantaggio di tutti (aziende, call center e consumatori) e farlo diventare veicolo per l’acquisizione di nuovi clienti nel r...

21 gennaio 2019

Call center, Assocontact: “Serve impegno di tutti i committenti”

La “ricetta” dell’associazione contro la crisi del settore: “Coinvolgere le aziende Telco, Media e Banking”. E sul decreto Dignità: “Provvedimento con giuste finalità ma che non riesce a garantire la tutela occupazionale“ ...