Call Center: Un nuovo codice etico, nuove regole a favore del settore

Imagine del articolo


Roma, 24 novembre - Ieri il comitato di Presidenza di Assocontact, l’associazione nazionale di contact center in outsourcing, ha presentato la bozza del nostro nuovo Codice Etico alla Presidente della Commissione attività produttive della Camera dei Deputati, Barbara Saltamartini, che ha apprezzato lo sforzo di identificare nuove regole a favore del mercato e dei consumatori.

La Presidente Saltamartini ha compreso l’esigenza di superare l’attuale “Protocollo d’intesa” che ha definito le “regole d’ingaggio” tra committenza ed outsourced, per definire nuove politiche di pricing eque e tali da remunerare tali attività salvaguardando gli equilibri dell’intera filiera, a tutela anche della qualità del servizio erogato ai consumatori e cittadini.

Il nuovo Codice Etico, non appena perfezionato con il contributo della committenza, verrà discusso in un nuovo convegno ad inizio 2019, alla presenza di istituzioni, committenti, società di contact center in outsourcing e associazioni dei consumatori.

24 novembre 2018

L'Associazione mette a disposizione corsi di formazione on line, erogati da un ente certificatore esterno, in grado di rilasciare un attestato ad ogni singolo partecipante.

I corsi sono creati per le specifiche esigenze degli operatori di call center, hanno una durata di 45 minuti circa e prevedono l’accesso finale ad un test per il rilascio di un attestato individuale.

NEWS RECENTI

11 febbraio 2019

Paolo Sarzana (Assocontact) ospite a Mi Manda Rai Tre

6 febbraio 2019

Telemarketing, così cambierà nel 2019 con le nuove regole

Anni di telefonate moleste e azioni borderline hanno portato alla demonizzazione del telemarketing. Tre nuovi provvedimenti potrebbero però consentire una svolta a vantaggio di tutti (aziende, call center e consumatori) e farlo diventare veicolo per l’acquisizione di nuovi clienti nel r...

21 gennaio 2019

Call center, Assocontact: “Serve impegno di tutti i committenti”

La “ricetta” dell’associazione contro la crisi del settore: “Coinvolgere le aziende Telco, Media e Banking”. E sul decreto Dignità: “Provvedimento con giuste finalità ma che non riesce a garantire la tutela occupazionale“ ...