Call Center L’Aquila, Assocontact: “Incomprensibile disparità prevista dal bando INPS”

Imagine del articolo

Assocontact, l'associazione che rappresenta le società di Call-center aderente a Confindustria Digitale, ha verificato che i parametri del bando di gara pubblicato dall'INPS prevedono per le attività di call-center (Lotto 1) una valutazione del 40% basata su coefficienti di qualità ed efficienza ed un 60% sull'offerta economica, a differenza di quanto invece previsto per le altre tipologie di servizi e per i quali tali parametri risultano invertiti.

E’ una disparità incomprensibile, pur tenendo conto che la valutazione delle offerte per i servizi di call-center non saranno ora influenzate dal “costo del lavoro”.
Inoltre il Decreto Legislativo del 19 aprile 2017 n. 56 in materia di appalti pubblici prevede un tetto massimo per il punteggio economico entro il limite del 30%: i parametri fissati dal bando pubblicato non risultano quindi in linea con le disposizioni del nuovo decreto.

“Anche se il nuovo provvedimento entrerà in vigore solo il 20 maggio 2017 non possiamo che assistere stupiti al fatto che la pubblicazione di un bando di gara da parte di un ente pubblico (per l'attività più rilevante del settore) avvenga pochi giorni prima dell'entrata in vigore di nuove regole, volte a garantire una maggior tutela della qualità attraverso parametri differenti da quelli scelti da INPS per valutare le offerte”, dichiara Paolo Sarzana, Presidente di Assocontact.

Il settore dei servizi di Call-center sta vivendo una nuova fase di regolamentazione, anche normativa, volta ad una qualificazione certificata che tuteli le attività, a beneficio del consumatore e delle tante imprese fornitrici e dei lavoratori che esse rappresentano: “appare incomprensibile la disparità dell'impostazione prevista dal nuovo bando dell’Inps, specie per un’attività labour intensive e che dovrebbe premiare la qualità del lavoro delle persone, privilegiando nuovamente parametri squisitamente economici”, conclude Sarzana.

Ufficio Stampa

Alessio Samele

a.samele@retionline.it

3208450132

Alessio Samele 17 maggio 2017

L'Associazione mette a disposizione corsi di formazione on line, erogati da un ente certificatore esterno, in grado di rilasciare un attestato ad ogni singolo partecipante.

I corsi sono creati per le specifiche esigenze degli operatori di call center, hanno una durata di 45 minuti circa e prevedono l’accesso finale ad un test per il rilascio di un attestato individuale.

NEWS RECENTI

15 gennaio 2018

Privacy, come difendersi dalle telefonate indesiderate

Insieme a nome, cognome e indirizzo, il numero di telefono è il dato personale più utilizzato. D’altra parte, i cellulari sono diventati appendici del nostro corpo e lasciamo il numero dello smartphone un po’ dappertutto: quando facciamo un biglietto di viaggio, se scarichi...

3 gennaio 2018

Call center, governo fissa salario medio in quelli che partecipano ad appalti pubblici. Per il 60% dei lavoratori resta la giungla

Il ministero del Lavoro ha fissato a un minimo di 17 euro il costo dei dipendenti per i 30mila addetti dei centri telefonici che lavorano per le pubbliche amministrazioni. "Un passo in avanti, ma non risolutivo”, spiega Marco Del Cimmuto, segretario nazionale Tlc Slc Cgil. "Le s...

31 dicembre 2017

Call center, stabilito il costo minimo per minuto

Assocontact (associazione che rappresenta un’altra parte di call center in attività e che non ha partecipato alla definizione delle tabelle) si dice insoddisfatta. «I valori definiti dal ministero del Lavoro si riferiscono ai costi del lavoro diretti dei singoli operatori, ma non ...