Call center, arriva il prefisso unico

AdnKronos

Imagine del articolo

E' arrivata alla Camera la norma che istituisce il prefisso unico per le chiamate commerciali approvata dal Senato lo scorso 2 agosto. Un disegno di legge contro il telemarketing selvaggio: in questo modo tutti i call center diventano immediatamente riconoscibili.

Entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della legge, "l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni individuerà un codice o prefisso specifico, atto ad identificare in modo univoco le chiamate telefoniche finalizzate al compimento di ricerche di mercato e alle attività di pubblicità, di vendita o di comunicazione commerciale".

Ma se la riconoscibilità per le chiamate commerciali mette al riparo da chiamate indesiderate, questa disposizione - avverte Assocontact, l'associazione che rappresenta le società che gestiscono servizi di Contact Center, "rischia di compromettere l'intero settore, mettendo a rischio 40mila posti di lavoro e non risolvendo il problema del telemarketing". "Il prefisso unico, infatti, se approvato in via definitiva non permetterà alle aziende di contattare direttamente i propri clienti o potenziali tali e saranno costrette ad investire su altri canali e forme di vendita" si legge nella nota.

''La tutela del consumatore va perseguita senza mettere in repentaglio un intero settore che conta 40mila operatori, la maggior parte al sud e formato da giovani al di sotto dei 30 anni. Tutto dopo che Assocontact e le associazioni sindacali (Cgil-Cisl-Uil) hanno siglato un accordo prevedendo nuovi strumenti di welfare'', dichiara Paolo Sarzana, presidente Assocontact.

"La soluzione al problema del cosiddetto telemarketing selvaggio c'è ed è quella prevista dalla Proposta di regolamento E-Privacy presentata dalla Commissione europea lo scorso 10 gennaio: il numero identificabile e quindi ricontattabile'', aggiunge Sarzana. "Con il prefisso unico, infatti, le chiamate con le proposte commerciali si mischieranno a quelle moleste con un grave danno per il consumatore che vedrà apparire sempre lo stesso numero e non potrà decidere se rispondere o meno" conclude.

Fonte dell'articolo: Vedi su AdnKronos
Alessio Samele 23 settembre 2017

L'Associazione mette a disposizione corsi di formazione on line, erogati da un ente certificatore esterno, in grado di rilasciare un attestato ad ogni singolo partecipante.

I corsi sono creati per le specifiche esigenze degli operatori di call center, hanno una durata di 45 minuti circa e prevedono l’accesso finale ad un test per il rilascio di un attestato individuale.

NEWS RECENTI

27 novembre 2018

Telemarketing, Assocontact ospite di Mi Manda Rai Tre

Stamattina Lelio Borgherese, vice presidente di Assocontact, è stao ospite della trasmissione tv di Rai Tre, Mi Manda Rai Tre, condotta dal giornalista Salvo Sottile per parlare di come prevenire il fenomeno delle truffe telefoniche  ...

27 novembre 2018

Lelio Borgherese a ″Mi manda Raitre″: «Serve un nuovo rapporto di fiducia con la gente»

Il presidente di Network Contacts e vicepresidente di Assocontact alla trasmissione Mi Mand Rai Tre: “Quando sento notizie gravi, con raggiri di persone anziane e deboli, provo sentimenti di tristezza e rabbia" ...

24 novembre 2018

Call Center: Un nuovo codice etico, nuove regole a favore del settore

Ieri il comitato di Presidenza di Assocontact, l’associazione nazionale di contact center in outsourcing, ha presentato la bozza del nostro nuovo Codice Etico alla Presidente della Commissione attività produttive della Camera dei Deputati, Barbara Saltamartini, che ha apprezzato lo sfor...