Assocontact: “Il protocollo d’intesa un interessante passo avanti ma uno strumento non risolutivo: è necessaria una completa riforma del settore”

Imagine del articolo

Il protocollo d’intesa sui servizi di call center firmato oggi a Palazzo Chigi da 13 primarie aziende committenti alla presenza del Presidente del Consiglio Gentiloni e del Ministro Calenda, è un primo interessante passo avanti verso l’intento di normalizzazione del mercato, per indirizzare l’erogazione di tali servizi verso il consumatore e cittadino con livelli di qualità sempre maggiori e tali da prevedere una remunerazione equa per le società fornitrici.

Il Protocollo non prevede però parametri ancora particolarmente vincolanti su come erogare i servizi o gli obblighi per le aziende che non vi aderiscono o in materia di pricing, ma è stata anticipata una nuova fase di approfondimento ed implementazione attraverso un “tavolo tecnico”.

Assocontact, l’associazione nazionale dei call center in outsourcing aderente a Confindustria Digitale, apprezza lo sforzo raggiunto dal Ministro Calenda ed è a disposizione del Ministero dello Sviluppo Economico per poter offrire ogni contributo tecnico rispetto alle nuove fasi previste a sostegno del settore.

“E’ oggi più che mai necessario rimettere in equilibrio il mondo dei call center, nel quale il servizio offerto non è ancora remunerato a livelli tali da sostenere l’equilibrio economico delle tante società di out-sourcing che vi operano e che rappresentano, complessivamente, circa 80.000 lavoratori”, ha dichiarato Paolo Sarzana, presidente Assocontact.

E’ necessaria una vera riforma del settore, con una Legge che obblighi tutti a rispettare regole più stringenti.

Ufficio Stampa
Alessio Samele
a.samele@retionline.it
3208450132

Alessio Samele 4 maggio 2017

L'Associazione mette a disposizione corsi di formazione on line, erogati da un ente certificatore esterno, in grado di rilasciare un attestato ad ogni singolo partecipante.

I corsi sono creati per le specifiche esigenze degli operatori di call center, hanno una durata di 45 minuti circa e prevedono l’accesso finale ad un test per il rilascio di un attestato individuale.

NEWS RECENTI

19 novembre 2017

Margini in caduta per i call center

«L’attività nel nostro settore – spiega Paolo Sarzana, presidente di Assocontact – presenta livelli di remunerazione talmente bassi che per molte realtà non ne garantiscono la sopravvivenza. E se è vero che in questo momento non ci sono crisi attive, &egr...

17 novembre 2017

Call center, incentivi all'occupazione solo alle imprese "certificate"

L'emendamento alla legge di Bilancio presentato dall senatrice Pd, Stefania Pezzopane: bonus solo in presenza di sadempimento di obblighi fiscali e rispetto dei contratti collettivi. Assocontact: "Garanzia anti-dumping" ...

16 novembre 2017

L. DI BILANCIO, Call Center: incentivi all’occupazione giovanile solo alle imprese con certificazione di qualità

Limitare l’applicazione dell’incentivo strutturale all’occupazione giovanile alle sole imprese di call center che siano in possesso della certificazione di qualità e requisiti specifici quali l’adempimento di obblighi fiscali, rispetto dei contratti collettivi e l&rsqu...